C’è silenzio tra una pagina e l’altra, Valerio Magrelli

 

C’è silenzio tra una pagina e l’altra.
La lunga distesa della terra fino al bosco
dove l’ombra raccolta
si sottrae al giorno,
dove le notti spuntano
separate e preziose
come frutta sui rami.

In questo delirio
luminoso e geografico
io non so ancora
se essere il paese che attraverso
o il viaggio che vi compio.

Valerio Magrelli, da Ora serrata retinae (Feltrinelli Poesia, 1980)

[Foto: Rodney Smith]

Curriculum vitæ, Erich Fried

c36ee118e380d7f8f79cee91e0774831

e voglio stare con gli uomini e talvolta solo
e compiango ogni notte trascorsa senza amore

E. Fried

Non sono né pietra né nuvola
né campana e neppure liuto
percosso da angelo o demone
Fin dall’inizio non sono stato che un uomo
e non voglio essere altro

Sono cresciuto come uomo
ho subìto il torto
talvolta ho fatto il torto
e talvolta il bene

Come uomo mi indigno
per l’ingiustizia e mi rallegro
per ogni barlume di speranza
Come uomo sono desto e stanco
e lavoro e ho apprensioni
e sete di comprendere
e d’essere compreso

Come uomo provo piacere per i miei amici
e provo piacere per la donna e i figli e i nipoti
e temo per loro e ho nostalgia della sicurezza
e voglio stare con gli uomini e talvolta solo
e compiango ogni notte trascorsa senza amore

Come uomo sono malato e vecchio
e morirò
e non sarò né pietra
né nuvola né campana
ma terra o cenere
ma questo non importa

Erich Fried, La libertà come l’amore

Poesia 306 Luglio/Agosto 2015

 

[Foto: Rodney Smith]

La strada per la comprensione, Andrea de Alberti

rodney-smith

 

Tutta la nostra vita non è al riparo,
i desideri hanno la punta dei piedi congelata,
ogni strada ha una minima percentuale d’incidente,
le persone nascondono altre persone,
un cono d’ombra precipita in un punto,
una sconfitta non è una perdita di tempo,
ogni amore ha una regola da cattivo tenente,
il male ha una riva per precipitare in un fosso,
chi vive abbastanza rimane per sempre.

Andrea de Alberti, Dall’interno della specie (in uscirta per Einaudi il 17febbraio 2017)

 

[Foto: Rodney Smith]

 

 

Confessione, Nikolaj Zabolockij

rodney-smith

 

Coperta di baci, incantata,
Portata nel campo dal vento,
Tutta come incatenata,
Tu prezioso mio portento!

Né allegra, né afflitta,
Come da un cupo cielo discesa,
Tu mio canto di nozze,
Tu mia stella pazzesca.

Mi chinerò sui tuoi ginocchi,
Li stringerò con frenesia,
E con le lacrime e con i versi
Ti farò ardere, o amata mia.

Aprimi il tuo nordico volto,
Lasciami entrare negli occhi gravi,
Nelle tue braccia seminude,
Nelle tue nere ciglia orientali.

Ciò che si aggiungerà – non calerà,
Ciò che si avvererà – non si scorderà…
Perché piangi, mio dolce incanto?
O forse a me sembra soltanto?

1957

Признание

Зацелована, околдована,
С ветром в поле когда-то обвенчана,
Вся ты словно в оковы закована,
Драгоценная моя женщина!

Не веселая, не печальная,
Словно с темного неба сошедшая,
Ты и песнь моя обручальная,
И звезда моя сумашедшая.

Я склонюсь над твоими коленями,
Обниму их с неистовой силою,
И слезами и стихотвореньями
Обожгу тебя, горькую, милую.

Отвори мне лицо полуночное,
Дай войти в эти очи тяжелые,
В эти черные брови восточные,
В эти руки твои полуголые.

Что прибавится – не убавится,
Что не сбудется – позабудется…
Отчего же ты плачешь, красавица?
Или это мне только чудится?

Confessione, Nikolaj Alekseevich Zabolockij (Testo tradotto da Paolo Statuti)

[Foto: Rodney Smith]

 

[La poesia, scoperta grazie a Paolo Statuti e al suo blog , è un testo che colpisce anche e soprattutto per la sua storia. Nikolaj Zabolockij fu un intellettuale avente da sempre un atteggiamento fortemente sprezzante verso il genere femminile. Nonostante questo, ebbe la capacità o fortuna di avere accanto a sé una donna, Ekaterina Vasil’evna, che fu moglie e madre affettuosa, che lo seguì anche nei momenti più difficili, come i cinque anni trascorsi nel gulag di Karaganda. Donna la cui presenza fu tutt’altro che marginale, perché fu di vitale importanza nella sopravvivenza dell’autore proprio in quel periodo della sua vita. In realtà Nikolaj Zabolockij ebbe altrettanta abilità nel perderla, quando nel 1956 la moglie, ormai stanca del comportamento del marito, lo lascia. Lasciando l’autore completamente straniato rispetto a qualcosa che mai si sarebbe aspettato in vita sua, visto l’amore e la dedizione della donna. Questa lirica fu scritta l’anno successivo e dedicata, insieme all’ intero ciclo L’ultimo amore, alla moglie, che nel 1958  (pochi mesi prima della morte dell’autore), e chissà forse grazie proprio alla Poesia, decise di tornare al suo primo amore.

Una descrizione più accurata e dettagliata della vita dell’autore e di questa particolare vicenda la trovate nel blog di Paolo Statuti https://musashop.wordpress.com/2017/01/13/nikolaj-alekseevich-zabolockij/ ]

C’è un’armonia nascosta nelle cose, Giusi Verbaro

rodney-smith-untitled

C’è un’armonia nascosta nelle cose. Mai
come in questo giorno di confine
la sento quasi grido che deflagra
mentre lo sguardo insegue

lontananze di mare. L’armonia
che è nel vento e danza inesauribile
– tenera e ineusaribile – sui nomi
che passarono e sugli altri passaggi. Sulle

immagini effimere degli specchi e gli schermi.
Sulla forma che muta. Sui mutevoli inganni
e sopra gli ingannevoli disegni dei nostri

disamori. Il vento la conduce in dispiegarsi
di impossibili voli mentre l’inverno arranca
col peso del suo sonno.

Giusi Verbaro (in Luce da Hakepa, Book Editore 2001)

[Foto: Rodney Smith]