Confine, A. Achmtova

45b2d0172e29d36c2d737af6491ca819

 

Ora puoi capire perché non batte
il mio cuore sotto la tua mano.

A. Achmatova

 

C’è nell’intimità degli uomini un confine
che né l’amore, né la passione possono osare:
le labbra si fondono nel terribile silenzio
e il cuore si spezza per amore.

Anche l’amicizia qui è impotente, e gli anni
pieni di felicità alta infiammata,
quando l’anima è libera e distratta
dal lento languore della voluttà.

Pazzo è colui che vi si appresta,
raggiungerlo è morire d’angoscia…
Ora puoi capire perché non batte
il mio cuore sotto la tua mano.

Anna Andreevna Achmatova

Pietroburgo, maggio 1915

Anna Achmatova, da Lo stormo bianco (Edizioni San Paolo, 1995)

La Musa, A. Achmatova

anna-akhmatova-

 

Quando la notte attendo il suo arrivo,
la vita sembra sia appesa a un filo.
Che cosa sono onori, libertà, giovinezza
di fronte all’ospite dolce
col flauto nella mano? Ed ecco è entrata.
Levato il velo, mi guarda attentamente.
Le chiedo: «Dettasti a Dante tu
le pagine dell’Inferno?» Risponde: «Io».

 

A. Achmatova, La Musa (da Il giunco, 1925)

 

 

Una migrazione cosmica, Marina Cvetaeva

Viki Kollerová Lovers
_
_
Tutto questo è stasera, che dormo con te
M. Cvetaeva
_
_
Una migrazione cosmica è iniziata stasera:
carovane di alberi per la terra scura,
filari di grappoli pronti alla vendemmia,
cascate di stelle di casa in casa,
fiumi che risalgono i corsi – all’indietro!
Tutto questo è stasera, che dormo con te.

_

_
Marina Cvetaeva, da Scusate l’Amore, Poesie 1915-1925 (Passigli Editori, 2013)
Mosca, 1892 – Elabuga, 1941

 

_

[Foto: Viki Kollerová, Lovers]

Boris Ryžhy, due poesie

boris-ryc5behy-e1516294276939

 

 

Portami lungo viali vuoti,
parlami di qualche sciocchezza,
pronuncia vagamente un nome.
I lampioni piangono l’estate.

Due lampioni piangono l’estate.
Cespugli di sorbo. Una panchina umida.
Amore mio, resta con me fino all’alba,
poi lasciami.

Rimasto come un’ombra offuscata,
vagherò qui ancora un po’, ricorderò tutto,
la luce accecante, il buio infernale,
io stesso fra cinque minuti sparirò.

 

Boris Ryžhy, La nuovissima poesia russa (Einaudi 2005)

 

Веди меня аллеями пустыми,
о чем-нибудь ненужном говори,
нечетко проговаривая имя.
Оплакивают лето фонари.

Два фонаря оплакивают лето.
Кусты рябины. Влажная скамья.
Любимая, до самого рассвета
побудь со мной, потом оставь меня.

А я, оставшись тенью потускневшей,
еще немного послоняюсь тут.
Все вспомню: свет палящий, мрак кромешный.
И сам исчезну через пять минут.


Борис Рыжий (1974-2001)

 

 


 

Non ho camminato nei tuoi sogni,
né mi sono mostrato in mezzo alla folla,
non sono apparso nel cortile
dove pioveva o meglio cominciava
a piovere (questo verso
lo cancello e non lo sostituirò),
era allettante credere, come uno stupido,
che ti avrei incontrato presto,
eri tu che mi apparivi in sogno
(e mi prendeva una dolce tenerezza),
mi sistemavi i capelli sulle tempie.
Quell’autunno perfino le poesie
in parte mi riuscivano bene
(però mancava sempre un verso o una rima
per essere felice)

Boris Ryžhy, La nuovissima poesia russa (Einaudi 2005)

 

Я по снам по твоим не ходил
и в толпе не казался,
не мерещился в сквере, где лил
дождь, верней – начинался
дождь (я вытяну эту строку,
а другой не замечу),
это блазнилось мне, дураку,
что вот-вот тебя встречу,
это ты мне являлась во сне,
и меня заполняло
тихой нежностью, волосы мне
на висках поправляла.
В эту осень мне даже стихи
удавались отчасти
(но всегда не хватало строки
или рифмы – для счастья).

Борис Рыжий (1974-2001)

 


 

Due poesie di Boris Ryžhy (1974-2001), poeta russo contemporaneo, morto suicida appena ventisettenne. La maggior parte delle sue poesie saranno pubblicate solo postume. In Italia possiamo leggere alcuni suoi testi nell’antologia dedicata alla poesia russa contemporanea La nuovissima poesia russa (Einaudi 2005)]

Frammenti, V. Majakovskij

 

Io conosco la forza delle parole, 
                                 conosco delle parole il suono a stormo.
Non di quelle
                 che i palchi applaudiscono.
A tali parole
                 le bare si slanciano
per camminare
                    sui propri
                                quattro piedini di quercia.
Sovente
          le buttano via,
                              senza strapparle, senza pubblicarle.
Ma la parola galoppa
                                con le cinghie tese,
tintinna per secoli,
                          e i treni strisciando s’appressano
a leccare
          le mani callose
                              della poesia.
Io conosco la forza delle parole.
                                              Parrebbe un’inezia.
Un petalo caduto
                       sotto i tacchi d’una danza.
Ma l’uomo 
        con l’anima,
                        con le labbra,
                                        con lo scheletro…

Mi ama – non mi ama.
                              Io mi torco le mani
e sparpaglio
                 le dita spezzate.
Così si colgono,
                   esprimendo un voto,
                                             così si gettano in maggio
corolle di margherite sui sentieri.
La rasatura
             e il taglio dei capelli
                                     svelino la canizie.
Tintinni a profusione
                          l’argento degli anni!
Spero,
      ho fiducia
                  che non verrà mai
da me
       l’ignominioso bonsenso.

Sono già le due.
                  Forse ti sei coricata.
Nella notte
             la Via Lattea
                           è come un’Oka d’argento.
Io non m’affretto
                      e non ho ragione
di svegliarti
              e turbarti
                         coi lampi dei telegrammi.
Come suol dirsi,
                     l’incidente è chiuso.
La barca dell’amore
                            s’è infranta contro la vita.
Tu ed io
          siamo pari.
                        A che scopo riandare
afflizioni,
         sventure
                   ed offese reciproche.
Guarda
       che pace nel cosmo.
La notte
         ha imposto al cielo
                                  un tributo di stelle.
In ore come questa
                         ci si leva
                                     e si parla
ai secoli,
           alla storia
                      e all’universo…

 

Vladimir Majakovskij, Poesie (Garzanti, 1972)

 

[Foto:  Vincent van Gogh, La notte stellata, 1889]

Il poeta, Marina Cvetaeva

f46805eb2a7f2e4eab8012a5af3d030a

 

Giacché il suo
è passo di cometa: brucia e non scalda,
cuoce e non matura – furto! scasso! –
tortuoso sentiero chiomato
ignoto a tutti i calendari.

M. Cvetaeva

 

 

 

Da lontano – il poeta prende la parola.
Le parole lo portano – lontano.
Per pianeti, sogni, segni … Per le traverse vie
dell’allusione. Tra il sì e il no il poeta,
anche spiccando il volo da un balcone
trova un appiglio. Giacché il suo
è passo di cometa. E negli sparsi anelli
della causalità è il suo nesso. Disperate –
voi che guardate il cielo! L’eclisse del poeta
non c’è sui calendari. Il poeta è quello
che imbroglia in tavola le carte,
che inganna i conti e ruba il peso.
Quello che interroga dal banco,
che sbaraglia Kant,
che sta nella bara di Bastiglie
come un albero nella sua bellezza.
E’ quello che non lascia tracce,
il treno a cui non uno arriva
in tempo …

             Giacché il suo

è passo di cometa: brucia e non scalda,
cuoce e non matura – furto! scasso! –
tortuoso sentiero chiomato
ignoto a tutti i calendari.

 

Marina Cvetaeva, in Poesia (ed. Crocetti, 1994 – riproposto per il numero speciale 333, gennaio 2018)

[Foto: Jarek Kubicki]

La spensieratezza, Marina Cvetaeva

d2415d88f30da5e2f3ffd3644af35fa7

Nella vita, in cui così poco possiamo,
a curare la tristezza con la cioccolata
e a ridere in faccia ai passanti.

M Cvetaeva

 

 

La spensieratezza è un caro peccato,
caro compagno di strada e nemico mio caro!
Tu negli occhi m’hai spruzzato il riso
e la mazurca mi hai spruzzato nelle vene.
Poiché mi hai insegnato a non serbare l’anello,
con chiunque la vita mi sposasse.
A cominciare alla ventura – dalla fine,
e a finire – ancor prima di cominciare.
A essere come uno stelo, ad essere come l’acciaio.
Nella vita, in cui così poco possiamo,
a curare la tristezza con la cioccolata
e a ridere in faccia ai passanti.

(1918)

Marina Cvetaeva, Poesie, (Feltrinelli editore 2016)

 

Nella vita e nell’arte la Cvetaeva aspirò sempre, impetuosamente, avidamente, quasi rapacemente, alla finezza e alla perfezione: e, nell’inseguirle, si spinse molto in avanti, sorpassò tutti … Oltre al poco che ci è noto, essa ha scritto una quantità di cose che da noi sono ancora sconosciute: opere immense, tempestose … La loro pubblicazione segnerà un grande trionfo e una rivoluzione per la nostra poesia che, inaspettatamente, si arricchirà di un dono tardivo e straordinario . Penso che la massima rivalutazione e il massimo dei riconoscimenti attendano la Cvetaeva”.

Pasternak, 1956

 

Foto: Salvatore Fiume, Ritratto di Marina Ivanovna Cvetaeva]

All’amato me stesso, Vladimir Majakovskij

domenico-mazza-2014_10_dscf2245

S’io fossi piccolo come il grande oceano,
mi leverei sulla punta dei piedi delle onde con l’alta marea,
accarezzando la luna.

V. Majakovskij

Quattro. Pesanti come un colpo.
“A Cesare quel che è di Cesare, a Dio quel che è di Dio”.

Ma uno come me dove potrà ficcarsi?
Dove mi si è apprestata una tana?
S’io fossi piccolo come il grande oceano,
mi leverei sulla punta dei piedi delle onde con l’alta marea,
accarezzando la luna.
Dove trovare un’amata uguale a me?
Angusto sarebbe il cielo per contenerla!

O s’io fossi povero come un miliardario…Che cos’è il denaro per l’anima?
Un ladro insaziabile s’annida in essa:
all’orda sfrenata di tutti i miei desideri
non basta l’oro di tutte le Californie!

S’io fossi balbuziente come Dante o Petrarca…
Accendere l’anima per una sola, ordinarle coi versi…
Struggersi in cenere.
E le parole e il mio amore sarebbero un arco di trionfo:
pomposamente senza lasciar traccia vi passerebbero sotto
le amanti di tutti i secoli.

O s’io fossi silenzioso, umil tuono… Gemerei stringendo
con un brivido l’intrepido eremo della terra…
Seguiterò a squarciagola con la mia voce immensa.
Le comete torceranno le braccia fiammeggianti,
gettandosi a capofitto dalla malinconia.
Coi raggi degli occhi rosicchierei le notti
s’io fossi appannato come il sole…

Che bisogno ho io d’abbeverare col mio splendore
il grembo dimagrato della terra?
Passerò trascinando il mio enorme amore
in quale notte delirante e malaticcia?
Da quali Golia fui concepito
così grande,
e così inutile?

Vladimir Majakovskij, Poesie d’amore e di rivoluzione ( Red Star Press, 2012)

_______

СЕБЕ, ЛЮБИМОМУ

Четыре.
Тяжелые, как удар.
“Кесарево кесарю – богу богово”.
А такому,
как я,
ткнуться куда?
Где мне уготовано логово?

Если бы я был
маленький,
как океан,-
на цыпочки волн встал,
приливом ласкался к луне бы.
Где любимую найти мне,
Такую, как и я?
Такая не уместилась бы в крохотное небо!

О, если б я нищ был!
Как миллиардер!
Что деньги душе?
Ненасытный вор в ней.
Моих желаний разнузданной орде
не хватит золота всех Калифорний.

Если б быть мне косноязычным,
как Дант
или Петрарка!
Душу к одной зажечь!
Стихами велеть истлеть ей!
И слова
и любовь моя –
триумфальная арка:
пышно,
бесследно пройдут сквозь нее
любовницы всех столетий.

О, если б был я
тихий,
как гром,-
ныл бы,
дрожью объял бы земли одряхлевший скит.
Я если всей его мощью
выреву голос огромный,-
кометы заломят горящие руки,
бросаясь вниз с тоски.

Я бы глаз лучами грыз ночи –
о, если б был я
тусклый, как солце!
Очень мне надо
сияньем моим поить
земли отощавшее лонце!

Пройду,
любовищу мою волоча.
В какой ночи
бредовой,
недужной
какими Голиафами я зачат –
такой большой
и такой ненужный?

Vladimir Majakovskij

[Foto: Domenico Mazza]