Poesia in musica: Gerico, P. Cappello e The Curse, A. Obel

 

And their hope grew
with a hunger to live unlike before

A. Obel

 

È raro sentire cantare in strada
molto più raro sentire fischiare
o fischiettare
se qualcuno lo fa
l’aria sembra fargli spazio
ti sembra che un refolo muova
la flora dei tuoi pensieri
ti metta dove prima non eri;
ma come passa chi fischia
la noia stende le vertebre al sole
e tu rientri dov’eri
dietro il douglas dei serramenti
dentro il livore
degli appartamenti
al tango delle dita sul tavolo ti chiedi
da quali trombe scosse
scrollate le mura
per quali brecce potremo vedere
– fresca –
come un sogno appena sbucciato
la terra che calpesteremo, allegri.

Pierluigi Cappello, Gerico (da Assetto di volo, Crocetti editore)

 

[Video: Agnes Obel, The Curse]

Pierluigi Cappello, poeta della gentilezza

ZPUXTAEX5144-k5mE-U1101384887207DCD-1024x576@LaStampa.it

 

La settimana scorsa mi ha dato in mano il suo addio alla vita, la bozza del libro che verrà: “Ogni giorno dal cielo alla notte”. Riflettendo sulle sue pene fisiche e sul significato della parola sopportazione, si accommiata così: “Non so darmi una risposta se non sostituendo il verbo “sopportazione” con la locuzione “essere capaci di abbandonarsi”. Abbandonarsi, nel mio caso specifico, alla lingua, alla parola, in definitiva alla vita”

Antonello Caporale

 

[Avere un blog, questo minuscolo squarcio, un po’ cantina un po’ cantiere, mi ha permesso di notare quanto interesse ci sia per Pierluigi Cappello, poeta molto conosciuto e, soprattutto,amato nonostante la sua riservatezza; mi ha permesso di capire che in tanti sentiranno la mancanza dei suoi versi di pura autenticità: del suo  lavoro attento e lento, pieno di fede, privo di quel bisogno di apparire-apparenza che sempre più spesso caratterizza il nostro secolo, e con esso i nostri poeti. Dei diversi articoli che ho incontrato in questi giorni, questo di Antonello Caporale è quello che più mi ha colpito, perché in grado di lasciarci, con estrema delicatezza, il ricordo di un poeta che è stato prima di  tutto uomo, e che ha saputo abbandonarsi alla vita con la stessa saggezza antica con cui si è abbandonato alla poesia, giorno per giorno lungo tutta la sua vita. Un articolo che ci rassicura anche un po’, da buon custode della poesia, Cappello ci ha lasciato – come si anticipa nell’articolo – un’altra delle sue preziose raccolte. Qui l’articolo:

 

 

Per dire che cosa mi tengo
per dire che cosa, leggendo
uno spartito che trattenga il cielo
alto, sempre alto, per ogni pagina ascoltata
dentro il fumo
dentro ogni gola pietrificata
qui, dove non volevo
dentro il rumore di prima
il rumore di dopo
dove sempre ci si ritrova
quanto un vento, un contorno
dopo che non si è capito
e qualcosa come uno stormo si stacca
in fuga dall’incendio
una nota, dai vetri, una voce
il breve sussurrare dei poeti.

Pierluigi Cappello, da Assetto di volo (Crocetti Editore, 2006)

__________

 

Qualche volta, piano piano, quando la notte
si raccoglie sulle nostre fronti e si riempie di silenzio
e non c’è piú posto per le parole
e a poco a poco ci si raddensa una dolcezza intorno
come una perla intorno al singolo grano di sabbia,
una lettera alla volta pronunciamo un nome amato
per comporre la sua figura; allora la notte diventa cielo
nella nostra bocca, e il nome amato un pane caldo, spezzato.

Pierluigi Cappello, da Mandate a dire all’imperatore (Crocetti Editore, 2010)

 

 

Verrà l’inverno, Pierluigi Cappello

pierluigi-cappello

 

… Ogni poesia perfetta che sia stata scritta in questo mondo è un petalo dell’Eden, un momento nel quale realizzare la propria intuizione, è in quei momenti che io sono libero, nel mio carcere …

 

 

Ci lascia oggi Pierluigi Cappello, una delle voci più autentiche del nostro secolo,  un poeta che ci ha dimostrato come ancora sia possibile la poesia: quella  autentica, carica di colori e speranza, fatta da quel  nomos, l’uno, che alle volte deve diventare il poeta per poter ascoltare, nella moltitudine-con passo attento e polso fermo- mondi antichi e voci  altrimenti inascoltate.

A presto, Pierluigi

 

 

[il brano scelto è contenuto in Il Dio del Mare (Bur, 2005), una racconta di prose e interventi in cui l’autore racchiude il suo personale concetto di poesia. Oltre a libri di poesia, quali Assetto di Volo, Mandate a dire all’imperatore (editi Crocetti), Azzurro elementare e l’ultimo in ordine cronologico: Stato di Quiete (Bur, 2016), Pierluigi Cappello ha scritto anche una breve raccolta di racconti, Questa libertà (Rizzoli), e alcune poesie per bambini contenute in Ogni goccia balla il suo tango].

[…] i poeti, queste << figure>> di uomini, un po’ sciamani un po’ fabbri un po’ giardinieri un po’ cenciaioli un po’ orafi un po’ artificieri, cercano, trascinano le stesse pietre, che, sovrapposte una a una con ostinazione cinese, costituiranno le pareti delle prigioni contro le quali essi batteranno i pugni della propria impotenza: è il paradosso cui viene condotto chi cerca di valicare se stesso, è la somiglianza del monaco contro cui, luccicante come uno scorpione, è custodito il significato della parola mònos: uno. […]

[…] Se esiste un Eden, come mi ha suggerito un amico, un giardino dove la perfezione è ordinaria, ogni poesia perfetta che sia stata scritta in questo mondo è un petalo dell’Eden, un momento nel quale realizzare la propria intuizione, è in quei momenti che io sono libero, nel mio carcere – quattro pareti, due finestre davanti, scansie con i libri alle spalle – come un’ape ronzante.

Verrà l’inverno, la più metafisica delle stagioni. la più propizia all’immaginazione e alle amicizie. La terra si fa bruna, i rami si fanno neri,  le erbe e le stoppie, tutto un mondo piegherà le vertebre al sonno. Soltanto il vento taglierà le nuvole. Nevicherà, se farà abbastanza freddo: allora la terra e il cielo si confonderanno, la neve cancellerà siepi e muretti, i confini delle villette qua attorno. Dentro gli appartamenti c’è già chi si affiderà alle paraboliche per essere ancora più solo, io mi affiderò alle parole per raffigurare il suono della neve. Fra tutte, sceglierò le lettere più morbide – la lettera a, la lettera e, la lettera o, la elle la emme la enne – e le parole che ne siano più ricche; cercherò di disporle con cura, in giaciture che ricordino le sinuosità distese di una donna in penombra, poi, scostando le tende della finestra più ampia, confronterò il bianco del foglio col bianco dell’inverno e forse, nel farlo, mi commuoverò, perché commuoversi non significa piangere, ma muoversi insieme alle cose, averne il medesimo ritmo, il medesimo passo, il medesimo polso; forse lascerò lo sguardo andare nella neve, lo lascerò libero nel bianco, con la disposizione dell’amante che si lascia annientare dalle carezze di chi è amato; un piede, un nuovo piede nella neve e l’orma si farà ombra e tutto, per un istante, sarà dimenticato, alle mie spalle il primo – l’imo – lampo di carbonio che ci precipitò alla terra, nudi.

P. Cappello, da la Mela di Newton in Il Dio del Mare. Prose e interventi 1998-2006 (Bur, 2005)

Porta aperta, P. Cappello

foto Izis, 1940s

E un posto tanto vuoto che pare ti appartenga
allunga un’ombra sull’ombra che sembrava la tua.

P. Cappello

Non so bene cosa ci abbia portati qui
che cosa sia rimasto di noi,
sarà stato il diventare presto
un modo di essere soli e risonanti nel buio
mentre la notte ancora non viene
e dai verdi rassodati dalle molte piogge
si stacca un’altra volta l’estate,
una sospirata ingenuità si allontana.
E un posto tanto vuoto che pare ti appartenga
allunga un’ombra sull’ombra che sembrava la tua.

Pierluigi Cappello, Finestra aperta, da Stato di quiete (Bur, 2016)

[Foto: Izis, 1940s]

Il nostro viaggio continua…

dsc_0144

_

[…] Eppure – chissà –
là dove qualcuno resiste senza speranza, è forse là che inizia
la storia umana, come la chiamiamo, e la bellezza dell’uomo
tra ferri arrugginiti e ossi di tori e di cavalli,
tra antichissimi tripodi su cui arde ancora un po’ d’alloro
e il fumo sale nel tramonto sfilacciandosi come un vello d’oro.

G. Ritsos, da Elena

 

 

Carissimi Amici,

una piccola anticipazione sugli autori e i testi che incotreremo tra queste pagine nei prossimi mesi.

Pierluigi Cappello e il suo nuovo lavoro Stato di Quiete; uno tra i più grandi autori greci contemporanei: Ghiannis Ritsos, in Quarta Dimensione, un libro a metà strada tra teatro e poesia; due poeti diventati ormai classici, e di cui abbiamo finalmente la possibilità di ammirarne le opere nella loro complessità: Dario Bellezza e Franco Fortini; e poi Elisa Baldini e i suoi chirurgici versi di Da una crepa; e La Bambina Pugile di Chandra Livia Candiani. Alcune tra le pagine più belle dei Diari di Anais Nin, per molti la migliore tra le opere da lei scritte. E poi gli autori, le poesie, e tutto quello che per caso e per fortuna avremo modo di incontrare lungo questo nostro viaggio …

Lettera per una nascita, P. Cappello

a-n-d-r-e-%e2%80%a2-m-a-l-t-a-i-s

_

Penso che le parole rincorrano il silenzio
e che nel tuo odore di stagione buona
nel tuo sguardo piú liscio dei sassi di fiume
esploda l’enigma del “sí” assordante che sei.

P. Cappello

 

 

Scrivo per te parole senza diminutivi
senza nappe né nastri, Chiara.
Resto un uomo di montagna,
aperto alle ferite,
mi piace quando l’azzurro e le pietre si tengono
il suono dei “sí” pronunciati senza condizione,
dei “no” senza margini di dubbio;
penso che le parole rincorrano il silenzio
e che nel tuo odore di stagione buona
nel tuo sguardo piú liscio dei sassi di fiume
esploda l’enigma del “sí” assordante che sei.

Scriverti è facile; e se potessi verserei
la conoscenza tutta intera delle nuvole
la punteggiatura del cosmo
la forza dei sette mari, i sette mari in te
nel bicchiere dei tuoi giorni incorrotti.

Ma non sono che un uomo, e quest’uomo
ti scrive da un tavolo ingombro
e piove, oggi, e anche la pioggia ha le sue beatitudini
sulla casa dalle grondaie rotte
quando quest’uomo ti pensa e fra tutte le parole da scegliere
non sa che l’inciampo nel dire come si resta
e come si preme
nel mistero del giorno nuovo in te
che prima non c’era
adesso c’è.

Pierluigi Cappello (da Mandate a dire all’imperatore, Crocetti Editore, 2010)

Mandate a dire all’imperatore, Pierluigi Cappello

mandate-a-dire-allimperatore2

da Mandate a dire all’imperatore, P. Cappello

 

Cosí come oggi tanti anni fa
mandate a dire all’imperatore
che tutti i pozzi si sono seccati
e brilla il sasso lasciato dall’acqua
orientate le vostre prore dentro l’arsura
perché qui c’è da camminare nel buio della parola
l’orlo di lino contro gli stinchi
e, tenuti appena da un battito,
il sole contro, il rosso sotto le palpebre
premerete sentieri vastissimi
vasti da non avere direzione
e accorderete la vostra durezza
alla durezza dello scorpione
alla ruminazione del cammello
alla fibra di ogni radice
liscia, la stella liscia, del vostro sguardo
staccato dall’occhio, palpiterà
né zenit né nadir
in nessun luogo, mai.

[Come accennato qualche giorno fa, dedicherò un po’ più di spazio nei prossimi giorni alla silloge del poeta Pierluigi Cappello, “Mandate a dire all’imperatore“, in attesa di poter leggere, a distanza di sei anni, il suo ultimo lavoro.

https://laterraeblucomeunarancia.wordpress.com/2016/12/12/restare-pierluigi-cappello/?iframe=true&theme_preview=true

Il testo ha inizio con la poesia  “Mandate a dire all’imperatore“che da il titolo all’intera raccolta e che è insieme suo prologo e sunto. Titolo ispirato a un racconto di Franz Kafka, “Il messaggio dell’imperatore”, ma nella sua versione speculare: non più un messaggio da un imperatore  al suddito, ma un messaggio da recapitare proprio all’imperatore; del quale non si ha altro riferimento, e la cui presenza appare quasi astratta,  a rappresentare probabilmente proprio l’intercedere di un potere che pur lasciando indelebili tracce non mostra mai pienamente il suo volto.

“perché qui c’è da camminare nel buio della parola”,

Di qui un percorso che sarà senza punti di riferimento, “né zenit né nadir“, se non uno, forse, ed è il poeta che si affaccia alla realtà attuale ma con la consapevolezza di ciò che è parola: che nulla può se non raccontare, o meglio ricordare e fissare quella bolla che è Chiusaforte  – a racchiudere non solo il ricordo di una infanzia trascorsa in un paesino di confine , quasi sospeso nel mondo– ma quella di un intero periodo storico ormai squarciato in due da un’autostrada, simbolo dell’inevitabile mutamento che arriva a toccare persino in un luogo in apparenza quasi dimenticato. Centrale è proprio questo luogo, come ci spiega l’autore stesso:

Chiusaforte è il mio paese d’origine, una sottile linea di case infilata in un canale – il Canal del ferro – situato nella punta estrema nord-orientale d’Italia. Poco più a Nord, i confini di Austria e Slovenia. Immediatamente a monte di Chiusaforte il Canale assume la forma di una gola: le falde delle montagne che lo chiudono si alzano distando l’una dall’altra “lo trazer de un bon brazho”, poco più di un tiro di sasso, come scrisse in un suo rapporto uno sconcertato ispettore dei boschi della Serenissima Repubblica di Venezia. Grosso modo parallela al paese corre la statale pontebbana, più in là il fiume Fella e, dagli anni Ottanta, letteralmente stipata, l’autostrada che conduce in Austra”.

E con esso la parola e  il silenzio, che insieme fanno poesia:

“Scrivere poesia è una caccia al buio. Devi, prima di tutto, dotarti degli strumenti della caccia, conoscere il più estesamente possibile tutte le malizie retoriche, sapere quale è la sostanza fonica dei versi (sì, parloproprio di “sostanza”), cogliere la linea di conflitto che si sviluppa tra “istituzione” (il metro) e “individuo” (il ritmo). E anche quando hai imparato tutto questo sei solo, nella tua caccia, sprofondato nel buio. Perché la poesia è un fenomeno, né più né meno che una grandinata, una tempesta, una brezza sottile. Noi ‘parliamo’ sempre, sia quando lo facciamo in forma di dialogo, sia quando il colloquio avviene entro noi stessi, dentro un silenzio che è soltanto nostro. È dentro quel silenzio che le parole si dispongono alle relazioni più intime, che fruttificano in forma di intuizione. Una volta ho definito quell’ininterrotto parlarsi dentro il polmone verde delle nostre coscienze, la nostra ricchezza più segreta.”]

Restare, Pierluigi Cappello

maria-cecilia-camozzi-1-e1430612000841

Tengo per me cos’è curare il fuoco
l’odore spesso di legna bagnata, lo stoppino fra le dita
lo stare di tutti i giorni nelle cose da fare, dentro un’altra luce
rotta dalle nuvole…

P. Cappello

Gli occhi si sono fatti di sale nel voltarmi
i pensieri si sono fermati nei gesti, nel silenzio delle cose fatte;
ho raccolto le briciole del dopopranzo
e le ho scosse nell’aria vitrea del giardino
dove è appena spiovuto e irrompe il sole.
Qui, anche il più lieve soprassalto del merlo oltre la siepe
sta fermo e stanno ferme le mie parole come navi in bottiglia.
La vostra lingua è la mia, ma la mia non è la vostra
mi son sentito pensare mentre in casa lampeggia in penombra
il televisore e una musica epica diffonde l’eleganza di una berlina.
Tengo per me cos’è curare il fuoco
l’odore spesso di legna bagnata, lo stoppino fra le dita
lo stare di tutti i giorni nelle cose da fare, dentro un’altra luce
rotta dalle nuvole, un diverso tramontare allacciato agli alberi alti
pieno negli occhi delle case, sulle bestie dei poveri;
un po’ qua un po’ là
si sta soli così, oggi, un giorno così, un giorno più soli.

Pierluigi Cappello, (da Mandate a dire all’imperatore, Crocetti 2010)

[Foto: Maria Cecilia Camozzi]

[Nell’attesa di avere tra le mani e tra queste pagine le parole di Stato di quiete, nuovo libro di questo poeta – per me (e non solo per me) una tra le voci  più autorevoli di questo secolo- e con un po’ di dispiacere per aver visto passare la sua opera da un editore come Crocetti alla ben più nota ma meno attenta Bur, proporrò nei prossimi giorni alcune poesie scelte dal  suo testo precedente, Mandate a dire all’Imperatore, pubblicato nel 2010.]

La parte soleggiata di noi stessi, P. Cappello

barca

La parte soleggiata di noi stessi
non somiglia a questo prato d’agosto
che vedi
somiglia piuttosto a una pietra
che il tempo abbia sepolta
nel fondo profondo di noi
oppure sta come un’isola
e noi siamo sponda
ma sempre al di qua di quell’isola
dove io si dice per dire
– per essere – noi.

(Pierluigi Cappello, Assetto di volo, Crocetti Editore)