Preghiera del nuovo domani, Gabriela Mistral

 

Aiutami affinchè ognuno
dei miei bambini
diventi la poesia migliore.

G. Mistral

 

Fa che io sia più madre di una madre
nel mio amore e nella difesa del bambino
che non è sangue del mio sangue.
Aiutami affinchè ognuno
dei miei bambini
diventi la poesia migliore.
E nel giorno in cui non canteranno più
le mie labbra,
lascia dentro di lui o di lei
la più melodiosa delle melodie.

 

Gabriela Mistral

_______________________________________

 

Dame el ser más madre que las madres,
para poder amar y defender como ellas
lo que no es carne de mis carnes.
Dame que alcance a hacer de una
de mis niñas
mi verso perfecto
y a dejarte en ella clavada
mi más penetrante melodía,
para cuando mis labios no canten más.

 

Gabriela Mistral (Cile)

Il mare, Nico Orengo

Giuseppe Conoci

 

Il mare: quant’acqua
da millenni inquieta
capriola tra il fondale
e la riva, sgomitola
vele d’onde e piane,
strappandosi, da terra
all’orizzonte,
in voragine di viola
e veli azzurri,
respirando infantile
o in scoppi d’asma,
vivendo il ventre
di una madre, ampia.

 

Nico Orengo, da Cartoline di mare vecchie e nuove, Einaudi, 1999

[Foto: Giuseppe Conoci, Le cose delicate (Baia dell’Orte, Otranto) ]