L’ultima invocazione, W. Whitman

15193463_1048220925289059_2950976088242065771_n

 

Alla fine, dolcemente,
dalle mura di questa casa possentemente fortificata,
dai ganci di serrature solide, dalla guardia di porte ben chiuse,
lascia che io mi espanda.

Lasciami scivolare fuori senza rumore
con chiavi di tenerezza gira le serrature – con un sussurro
apri le porte, o anima.

Dolcemente – non essere impaziente
(forte è la tua presa, carne mortale,
forte è la tua presa, amore).

 

__________

The Last Invocation, (Leaves of Grass)

At the last, tenderly,
From the walls of the powerful fortress’d house,
From the clasp of the knitted locks, from the keep of the well-closed doors,
Let me be wafted.

Let me glide noiselessly forth;
With the key of softness unlock the locks – with a whisper,

Set ope the doors O soul.
Tenderly – be not impatient,
(Strong is your hold O mortal flesh,
Strong is your hold O love.)

 

Walt Whitman (da Foglie d’erba, Mondadori 2002)

 

[Foto: dal Web]