Ci sono fiori, Fernando Bandini

snow_moon_joka2000

Ci sono fiori che fioriscono al buio,
uccelli che non escono dal folto,
ma niente come l’infelicità
ha vergogna di sé.

Talvolta si nasconde
nell’allegria che agli altri ci fa cari;
non disdegna i compagni, dal clamore
sa distillare gelosi silenzi.

Poi nel silenzio si dibatte come
una tenera preda nelle spire
d’un serpente, esce di casa, ama
la sceziata realtà,

Sente la vita come un caldo alito
sul suo scivolo d’anni, crede di riconoscerla
e prova il tuffo al cuore di un bambino
che sul lastrico ha visto una moneta.

Se non sperasse sarebbe meno
infelicità, ma spesso incauta sogna
una toque smeraldina su capelli
neri tagliati corti.

È lo stoppino che non si spegne mai
nel suo grumo di cera sopra un marmo,
una passione che i giorni hanno ossidato
e che incrosta i pensieri.

Fernando Bandini, (da Santi di dicembre)

[Foto dal web: Snow Moon, joka2000]

La notte bella, Giuseppe Ungaretti

 

giuseppe_ungaretti_basco

 

 

Quale canto s’è levato stanotte
che intesse
di cristallina eco del cuore
le stelle

Quale festa sorgiva
di cuore a nozze

Sono stato
uno stagno di buio

Ora mordo
come un bambino la mammella
lo spazio

Ora sono ubriaco
d’universo

_

Devetachi il 24 agosto 1916

Giuseppe Ungaretti,  L’Allegria, 1931