Alfonso Gatto e gli amori di Xavier Dolan

Le grandi notti d’estate
che nulla muove oltre il chiaro
filtro dei baci, il tuo volto
un sogno nelle mie mani.

Lontana come i tuoi occhi
tu sei venuta dal mare,
dal vento che pare l’anima.

E baci perdutamente
sino a che l’arida bocca
come la notte è dischiusa,
portata via dal suo soffio.

Tu vivi allora, tu vivi,
il sogno ch’esisti è vero.
Da quanto t’ho cercata.

Ti stringo per dirti che i sogni
son belli come il tuo volto,
lontani come i tuoi occhi.

E il bacio che cerco è l’anima.

Alfonso Gatto da Nuove poesie, 1941-1949, (Lo Specchio Mondadori, 1950)

 

[Video: Dalida, Bang bang  e  Noir Désir, Vive la fête]

*[Les amours imaginaires e J’ai tué ma mère sono i due film d’esordio come regista del giovanissimo Xavier Dolan, entrambi dal taglio autobiografico e dall’influsso evidente della Nouvelle Vague, spiccano per ricercatezza di stile in ogni suo aspetto (dalla musica, alla fotografia, alla tecnica, ai costumi) e per una semplicità nella trama (mai comunque banale), che nell’insieme non dispiace. Il primo racconta lo strano triangolo che si crea intorno a Nicolas, personaggio che per fattezze e aura ricorda il giovane Tadzio de La morte a Venezia ( di Thomas Mann, finemente dipinto nell’omonimo film da Luchino Visconti); il secondo l’incapacità di un figlio nel riuscire nell’atto che nell’immaginario collettivo sembrerebbe il più banale: amare la propria madre. Un’impossibilità che forse sta più nella incomunicabilità tra i due.

P.S. Nonostante i numerosi riferimenti cinematografici, artistici e letterari sparsi in entrambi i film, la poesia da me citata di Alfonso Gatto non rientra tra questi,  si tratta di un mio personale accostamento. ]

__