Bellezza, Antonia Pozzi

28472247_165835884218895_6472208254466194682_n


e tu lascia ch’io guardi questi occhi
che Dio ti ha dati,
così densi di cielo –
profondi come secoli di luce
inabissati al di là
delle vette.

A. Pozzi

 

 

Ti do me stessa,
le mie notti insonni,
i lunghi sorsi
di cielo e stelle – bevuti
sulle montagne,
la brezza dei mari percorsi
verso albe remote.

Ti do me stessa,
il sole vergine dei miei mattini
su favolose rive
tra superstiti colonne
e ulivi e spighe.

Ti do me stessa,
i meriggi
sul ciglio delle cascate,
i tramonti
ai piedi delle statue, sulle colline,
fra tronchi di cipressi animati
di nidi –

E tu accogli la mia meraviglia
di creatura,
il mio tremito di stelo
vivo nel cerchio
degli orizzonti,
piegato al vento
limpido – della bellezza:
e tu lascia ch’io guardi questi occhi
che Dio ti ha dati,
così densi di cielo –
profondi come secoli di luce
inabissati al di là
delle vette.

 

 

Antonia Pozzi, Bellezza

 

[Foto: Olive Cotton ]

Preghiera alla poesia, Antonia Pozzi

 

Poesia che ti doni soltanto
a chi con occhi di pianto
si cerca –
oh rifammi tu degna di te,
poesia che mi guardi.

A. Pozzi

 

 

Oh, tu bene mi pesi
l’anima, poesia:
tu sai se io manco e mi perdo,
tu che allora ti neghi
e taci.

Poesia, mi confesso con te
che sei la mia voce profonda:
tu lo sai,
tu lo sai che ho tradito,
ho camminato sul prato d’oro
che fu mio cuore,
ho rotto l’erba,
rovinata la terra –
poesia – quella terra
dove tu mi dicesti il più dolce
di tutti i tuoi canti,
dove un mattino per la prima volta
vidi volar nel sereno l’allodola
e con gli occhi cercai di salire –
Poesia, poesia che rimani
il mio profondo rimorso,
oh aiutami tu a ritrovare
il mio alto paese abbandonato –
Poesia che ti doni soltanto
a chi con occhi di pianto
si cerca –
oh rifammi tu degna di te,
poesia che mi guardi.

 

Pasturo, 23 agosto 1934

 

Antonia Pozzi, Pregliera alla poesia (da Poesia che mi guardi, Luca Sossella Editore, 2010)

[Foto: Antonia Pozzi]

 

[In onore dell’anniversario della sua nascita, il 13 febbraio, qualche giorno fa ho trovato diverse poesie ed articoli dedicati ad Antonia Pozzi, poetessa per lungo tempo dimenticata, ma che oggi è il simbolo di una delle voci femminili più autentiche del primo ‘900. Questa che vi propongo è una delle sue poesie più profonde, una poesia con la quale è riuscita a sorvolare su tempo, imposizioni sociali, culturali, familiari. Una poesia capace di scavalcare le dimensioni dell’umano e raccontarsi con quella affilata cognizione di sè unita ad un’ implacabile autenticità che è sola di rari esseri:e cioè degli animali, dei bambini e dei poeti; dimostrando ancora una volta come in una realtà sempre più affollata di maschere, la poesia riesca a penetrare il guscio più spesso e farsi raggio. E questa non è solo la confessione più disarmante che abbia mai letto, ma è anche il dono autentico di sè, fatto alla poesia e soprattutto a noi.

Vi lascio il link a una breve intervista a Marina Spada, che riuscì a catturare vita e opere di questa scrittrice in un breve documentario, uscito poi nel 2010 con il titolo “Poesia che mi guardi“, insieme alla raccolta più amplia mai pubblicata fino allora delle opere della Pozzi.  Provo un affetto particolare per questo libro, perchè tra l’altro fu un sostegno per me unico in un periodo profondamente buio della mia vita.]

 

http://www.letteratura.rai.it/articoli/poesia-che-mi-guardi-un-ritratto-di-antonia-pozzi/13601/default.aspx

 

*P.S. Nel video sentirete parlare dei poeti H5N1, presto vi parlerò anche di loro

la Porta che si chiude, Antonia Pozzi

Lisa Fonssagrives, by Fernand Fonssagrives, Rue de Varennes, Paris, 1949

 

E poi,
dietro la porta per sempre chiusa,
sarà la notte intera,
la frescura,
il silenzio.

A. Pozzi

 

Oh, le parole prigioniere
che battono battono
furiosamente
alla porta dell’anima
e la porta dell’anima
che a palmo a palmo
spietatamente
si chiude!
Ed ogni giorno il varco si stringe
ed ogni giorno l’assalto è più duro.
E l’ultimo giorno
– io lo so –
l’ultimo giorno
quando un’unica lama di luce
pioverà dall’estremo spiraglio
dentro la tenebra,
allora sarà l’onda mostruosa,
l’urto tremendo,
l’urlo mortale
delle parole non nate
verso l’ultimo sogno di sole.
E poi,
dietro la porta per sempre chiusa,
sarà la notte intera,
la frescura,
il silenzio.
E poi,
con le labbra serrate,
con gli occhi aperti
sull’arcano cielo dell’ombra,
sarà
– tu lo sai –
la pace.

 

[Foto: Lisa Fonssagrives, di Fernand Fonssagrives, Parigi, 1949]

Lieve offerta, Antonia Pozzi

kouji-tomihisa

 

Vorrei che la mia anima ti fosse
leggera
come le estreme foglie
dei pioppi, che s’accendono di sole
in cima ai tronchi fasciati
di nebbia –

Vorrei condurti con le mie parole
per un deserto viale, segnato
d’esili ombre –
fino a una valle d’erboso silenzio,
al lago –
ove tinnisce per un fiato d’aria
il canneto
e le libellule si trastullano
con l’acqua non profonda –

Vorrei che la mia anima ti fosse
leggera,
che la mia poesia ti fosse un ponte,
sottile e saldo,
bianco –
sulle oscure voragini
della terra.

5 dicembre 1934

Antonia Pozzi, da La vita sognata (in  Poesia che mi guardi, Luca Sossella Editore, 2010)

[Foto: Kouji Tomihisa]

Tu la notte io il giorno, Antonia Pozzi

mani

_

… So cosa significa amore
quando il giorno muore.

A. Pozzi

 

Tu la notte io il giorno
così distanti e immutevoli
nel tempo
così vicini come due alberi
posti uno di fronte all`altro
a creare lo stesso giardino
ma senza possibilità di
toccarsi
se non con i pensieri
Tu la notte io il giorno
tu con le tue stelle e la luna
silenziosa
io con le mie nuvole ed il
sole abbagliante
tu che conosci la brezza
della sera
ed io che rincorro il vento
caldo
fino a quando giunge il
tramonto
I rami divengono mani
tiepide
che si intrecciano
appassionate
le foglie sono sospiri
nascosti
le stelle diventano occhi di
brace
e le nuvole un lenzuolo che
scopre la nudità
La luna e il sole sono due
amanti rapidi e fugaci
e non siamo più io e te
siamo noi fusi insieme
nella completezza della luce
fioca
ondeggiante come la marea
in eterna corsa…
So cosa significa amore
quando il giorno muore.

 

Antonia Pozzi, Tu la notte io il giorno