Abbiate il coraggio di restare soli, Domenico Lucano

pe002048_key_image

 

Vi auguro di avere il coraggio di restare soli e l’ardimento di restare insieme, sotto gli stessi ideali. Di poter essere disubbidienti ogni qual volta si ricevono ordini che umiliano la nostra coscienza. Di meritare che ci chiamino ribelli, come quelli che si rifiutano di dimenticare nei tempi delle amnesie obbligatorie. Di essere così ostinati da continuare a credere, anche contro ogni evidenza, che vale la pena di essere uomini e donne. Di continuare a camminare nonostante le cadute, i tradimenti e le sconfitte, perché la storia continua, anche dopo di noi, e quando lei dice addio, sta dicendo un arrivederci.

Domenico Lucano

 

 

Il messaggio del sindaco di Riace letto in piazza durante la manifestazione.

È inutile dirvi che avrei voluto essere presente in mezzo a voi non solo per i saluti formali ma per qualcosa di più, per parlare senza necessità e obblighi di dover scrivere, per avvertire quella sensazione di spontaneità, per sentire l’emozione che le parole producono dall’anima, infine per ringraziarvi uno a uno, a tutti, per un abbraccio collettivo forte, con tutto l’affetto di cui gli esseri umani sono capaci. A voi tutti che siete un popolo in viaggio verso un sogno di umanità, verso un immaginario luogo di giustizia, mettendo da parte ognuno i propri impegni quotidiani e sfidare anche l’inclemenza del tempo. Vi dico grazie. Il cielo attraversato da tante nuvole scure, gli stessi colori, la stessa onda nera che attraversa i cieli d’Europa, che non fanno più intravedere gli orizzonti indescrivibili di vette e di abissi, di terre, di dolori e di croci, di crudeltà di nuove barbarie fasciste.

Qui, in quell’orizzonte, i popoli ci sono. E con le loro sofferenze, lotte e conquiste. Tra le piccole grandi cose del quotidiano, i fatti si intersecano con gli avvenimenti politici, i cruciali problemi di sempre alle rinnovate minacce di espulsione, agli attentati, alla morte e alla repressione. Oggi, in questo luogo di frontiera, in questo piccolo paese del Sud italiano, terra di sofferenza, speranza e resistenza, vivremo un giorno che sarà destinato a passare alla storia. La storia siamo noi. Con le nostre scelte, le nostre convinzioni, i nostri errori, i nostri ideali, le nostre speranze di giustizia che nessuno potrà mai sopprimere.

Verrà un giorno in cui ci sarà più rispetto dei diritti umani, più pace che guerre, più uguaglianza, più libertà che barbarie. Dove non ci saranno più persone che viaggiano in business class ed altre ammassate come merci umane provenienti da porti coloniali con le mani aggrappate alle onde nei mari dell’odio.Sulla mia situazione personale e sulle mie vicende giudiziarie non ho tanto da aggiungere rispetto a ciò che è stato ampiamente raccontato. Non ho rancori né rivendicazioni contro nessuno. Vorrei però a dire a tutto il mondo che non ho niente di cui vergognarmi, niente da nascondere. Rifarei sempre le stesse cose, che hanno dato un senso alla mia vita. Non dimenticherò questo travolgente fiume di solidarietà.

Vi porterò per tanto tempo nel cuore. Non dobbiamo tirarci indietro, se siamo uniti e restiamo umani, potremo accarezzare il sogno dell’utopia sociale. Vi auguro di avere il coraggio di restare soli e l’ardimento di restare insieme, sotto gli stessi ideali. Di poter essere disubbidienti ogni qual volta si ricevono ordini che umiliano la nostra coscienza. Di meritare che ci chiamino ribelli, come quelli che si rifiutano di dimenticare nei tempi delle amnesie obbligatorie. Di essere così ostinati da continuare a credere, anche contro ogni evidenza, che vale la pena di essere uomini e donne. Di continuare a camminare nonostante le cadute, i tradimenti e le sconfitte, perché la storia continua, anche dopo di noi, e quando lei dice addio, sta dicendo un arrivederci.

Ci dobbiamo augurare di mantenere viva la certezza che è possibile essere contemporanei di tutti coloro che vivono animati dalla volontà di giustizia e di bellezza, ovunque siamo e ovunque viviamo, perché le cartine dell’anima e del tempo non hanno frontiere.

Hasta siempre.

 

[ Fonte: https://ilmanifesto.it/il-coraggio-di-restare-soli/ ]

 

Per chi avesse perso qualche passaggio negli ultimi giorni: Domenico Lucano è sindaco di Riace, attualmente agli arresti domiciliari per “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e illecito amministrativo”, ed è per questo che qualche giorno fa è stata organizzata una marcia in suo favore. In realtà, infatti, quello che ha fatto è stato di favorire l’inserimento sociale di chi una casa non ce l’ha più. Tra le iniziative più originali e coraggiose: quella di favorire una cooperativa di immigrati pr la raccolta dei rifiuti utilizzando un asino come mezzo, capace di raggiungere le piccole stradine del paese e dai costi estremamente ridotti, per non parlare dell’impatto sull’ambiente e del rinnovato rapporto uomo-natura. Ma tutto questo a qualcuno non è piaciuto.

Questo articolo è qui per tre ragioni: la bellezza delle sue parole, l’esempio di resistenza e disobbidienza civile che rappresenta, l’apertura a ogni forma di alterità che si vuole in questo piccolo spazio, libero da qualsiasi confine. ]

2 thoughts on “Abbiate il coraggio di restare soli, Domenico Lucano

  1. massimolegnani ha detto:

    bravo, hai fatto bene a dargli spazio qui.
    tra l’altro ha parole così limpide che ci sta bene in un sito di scrittura.
    a me basta il primo suo appello che compare qui per considerarlo un uomo degno di rispetto.
    ml

    • Gilda ha detto:

      Grazie massimo, condivido quello che dici… sono piuttosto amareggiata per quello che in Italia sta accadendo, ma nel contempo vorrei non entrasse il mio pensiero con la prepotenza con cui ci siamo abituati a veder trattare qualsiasi argomento, nel bene e nel male. Lasciando libero spazio soprattutto al confronto. Necessario in un’epoca che ha fatto della parola lo scambio muto di chi dice ma non ascolta le sue stesse parole.

      Ho un’immensa fede nelle parole, ma per poterle usare al meglio credo sia necessario un volto, uno specchio, uno sguardo e degli occhi diversi dai propri a cui rivolgersi e attraverso cui riflettere se stessi. Purtroppo gli attuali mezzi di comunicazione fanno l’esatto opposto: isolano il nostro sguardo, lo rinchiudono in “stati” “storie” che sono cieche manifestazioni di sé, cieche perché non implicano un confronto, un dialogo. L’interlocutore, chi le legge, i propri contatti in definitiva (che siano su Facebook, Twitter, Wapp o altro) sono muti osservatori, spettrali assensi dei quali ci serviamo semplicemente per fare eco a un io cristallizzato che riverbera se stesso annullando qualsiasi moto, movimento. Determinando pure stasi di noi.

      Ecco perché questa lettera è qui: ha un destinatario, chiede un confronto, muove la parola rendendola viva. Richiama alla rottura di uno schema, quello che vuole sempre e solo un ‘sì’, che ci vuole assenti alle nostre scelte, ai nostri moti. Ma le parole sono molto altro, fanno molto altro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...