Lascito, G. Ritsos

Bruno Dayan

Credo nella poesia, nell’amore, nella morte,
perciò credo nell’immortalità.

Ghiannis Ritsos

 

Disse: Credo nella poesia, nell’amore, nella morte,
perciò credo nell’immortalità. Scrivo un verso,
scrivo il mondo; esisto; esiste il mondo.
Dall’estremità del mio mignolo scorre un fiume.
Il cielo è sette volte azzurro. Questa purezza
è di nuovo la prima verità, il mio ultimo desiderio.

Traduzione di Nicola Crocetti

Ghiannis Ritsos, Pietre Ripetizioni Sbarre, Milano, Crocetti Editore, 2004

___________________________________________________

 

Υποθήκη

Είπε: Πιστεύω στην ποίηση, στον έρωτα, στο θάνατο,
γι’ αυτό ακριβώς πιστεύω στην αθανασία. Γράφω ένα στίχο,
γράφω τον κόσμο˙ υπάρχω˙ υπάρχει ο κόσμος.
Από την άκρη του μικρού δαχτύλου μου ρέει ένα ποτάμι.
Ο ουρανός είναι εφτά φορές γαλάζιος. Τούτη η καθαρότητα
είναι και πάλι η πρώτη αλήθεια, η τελευταία μου θέληση.

 

Γιάννης Ρίτσος, “Πετρες επαναληψεις κιγκλιδωμα”, Κεδρος, 1972

3 thoughts on “Lascito, G. Ritsos

  1. Nico ha detto:

    meravigliosa come lo sono tutte le opere di Ritsos.
    Ciao Gilda

  2. L'Irriverente ha detto:

    Il potere della parola crea il mondo (anche biblicamente, se ci pensiamo): persino i più asettici linguisti si piegano a questa profonda verità, dato che esiste una branca chiamata pragmatica. Nel giusto contesto, una frase modifica la realtà: l’esempio classico è “Vi dichiaro marito e moglie” detta da chi ha il potere di farne un atto giuridico. Ma se restiamo alla poesia, alla scrittura, ogni verso e ogni riga creano un mondo: lo scrittore, se ci pensiamo, ha sulla pagina un potere immenso, per un semplice essere umano.

    • Gilda ha detto:

      Ha il potere della creazione e per questo dell’immaginazione.. ossia un potere infinito e imprevedibile, al pari del lettore o di chi in generale coglie la parola, parola che può essere tanto e tante cose, dal semplice strumento informativo a qualcosa che ha radici profonde e per questo alle volte inscrutabili. La parola è anima e carne insieme… grazie Gianluca per questa profonda riflessione, che ne aprirebbe tante e tante altre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...