I punti di sospensione, Antonio Porta

 

 

Vedere solo si vede quello che si vuole
una foto sbiadisce poco a poco
e un volto, poi la figura intera scompaiono.
Dov’erano tracce di felicità, attimi
ora un grigio sbiadisce e se resiste
qualcosa, un sorriso molto tirato,
stupisce chi lo osserva
e la memoria rifiuta di saltare l’ostacolo.
Ma per capire fino in fondo che cosa
significa una cancellazione occorre
sentirsi cancellati, quando un’ombra
non è più un’ombra, un fiato, un vapore,
nel trionfo dei punti di sospensione…

Antonio Porta, da Yellow (Lo Specchio- Mondadori, 2002)

 

[Foto: Mayumi Terada]

 

One thought on “I punti di sospensione, Antonio Porta

  1. natipervivereblog ha detto:

    ” ma per capire fino in fondo che cosa significa una cancellazione occorre sentirsi cancellati, quando un’ombra non è più un’ombra”
    Le parole di questo grande poeta, mi svelano la risposta a una domanda che mi pongo da mesi, alla quale, forse per timore dell’abbandono, non trovo risposta…
    o non desidero trovarla
    Un caro saluto
    Adriana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...