La mia sofferenza doppiata, Julio Cortazar

b33c5e9444eedeac4d4d63c4525a2b9e

_

E non dirti né lontana né perduta,
per non dare ragione al mare che ti trattiene.

J. Cortazar

 

E anche non essere triste,
non crescere con le fontane, non piegarsi nei salici.
Ampia è la luce per due occhi, e il dolore danza
nei seni che accettano senza timore i passi freddi.
E non dirti né lontana né perduta,
per non dare ragione al mare che ti trattiene.
E elogiarti nella più perfetta solitudine
nell’ora in cui il tuo nome è la prima luce alla mia
_          finestra.

 _                          Siano benedetti i miei occhi
_                           Per aver guardato così in alto.

 

Julio Crtazar, La mia sofferenza doppia (da Carte inaspettate)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...