Non sapevo allora… M. Gualtieri

… un monumento al silenzio
per quel suo lato infinito

M. Gualtieri

 

Non sapevo allora che il silenzio
era chiuso dentro il palmo di Dio
e lo cercavo sulla riviera.

Non sapevo che il fratello andasse accolto
dentro e dunque spostato
dall’eterno paragone. Non sapevo
che le correnti alte spargono le nubi
sulle cime perché l’aquila riposi
e dentro il vento un popolo
in pulviscolo sciama verso terre pacificate
e tutto intorno sorgono popoli invisibili
che di gran lunga il cielo predilige.

E’ questo duro dei canali
questo avere porte sbarrate che non fanno entrare
il sottile di potenze in circolazione.
Avvenute dentro certe modificazioni
di matrice, un appuntamento con la forza
centrifuga, un monumento al silenzio
per quel suo lato infinito

Mariangela Gualtieri

[Video: Michael Nyman, dal film Lezioni di Piano ]

10 thoughts on “Non sapevo allora… M. Gualtieri

  1. marzia ha detto:

    La “vis” poetica della Gualtieri mi era ignota…
    ( rammento il film, lei era muta o sbaglio?)

    • gilda.m ha detto:

      La poesia della Gualtieri ha una grande forza dirompente. Io ho letto solo due suoi testi, “fuoco centrale” e “bestia di gioia”… e nonostante nel secondo ci siano poesie indimenticabili come “Alcesti”, che trovi nel blog (questa volta con assoluta certezza), ho preferito di gran lunga il primo… sicuramente una poetessa (o più in generale scrittrice) contemporanea da scoprire… io la preferisco ad esempio a Patrizia Cavalli, almeno per quel poco che ho letto finora… Ma questa è questione di gusti e corde…

      • marzia ha detto:

        Conosco di fama la Cavalli ( ma non è valutata troppo?); ignoravo la forza della Gualtieri della quale verrò a cercarmi altri per nutrimento.
        Cercherò “Fuoco celeste”…
        Mercì 🙂

      • gilda.m ha detto:

        “Fuoco centrale” 😀 è una raccolta edita da Einaudi. Non saprei sulla Cavalli, io preferisco altro… probabilmente hai ragione, ma io ho letto troppo poco di suo ancora… finora non mi ha particolarmente colpita, però alle volte è anche questione di tempi.

  2. marzia ha detto:

    Sì, certo..
    A me è capitato con un paio di romanzi.
    Sto leggendo questa ( l’altra è lunga per l’editor che uso….dovrei cambiare editor) cercando di capire se si presta per l’accostamento iconografico…
    Buona serata intanto!

  3. gilda.m ha detto:

    A me è capitato spesso, anche con le persone, ecco perché lascio sempre le porte del possibile aperte, c’è sempre tempo e spazio per cambiare idea… buona serata e grazie dei fiori 🙂

  4. gelsobianco ha detto:

    “… un monumento al silenzio
    per quel suo lato infinito”
    Ecco la tua grande sensibilità, Gilda cara.
    Sotto il video del bellissimo film Lezioni di Piano tu posti proprio questi versi stupendi della grande Gualtieri.

    gb
    A presto!

  5. natipervivereblog ha detto:

    Ho rivisto la mia infanzia, quel dono magico di mio padre pianista
    Ci sono momenti in cui comprendi l’essenza magica delle parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...