Un’ombra non ha eterna consistenza, Walter Benjamin

 

josephine-cardin-07

 

Un’ombra non ha eterna consistenza
se pure il sole volesse splendere in eterno
nella volta celeste declinando costringe
l’ombra a sparire nella notte

ma nella mia notte un secondo fuoco
una sfera solare che non doveva tramontare
si è levata e lo sconforto che dentro
rimbombava gli donò un orlo fiammeggiante

il nuovo sole è il mio eterno meditare
pensieri raggi che verso terra guidano
e sono diffusi nella cerchia più segreta

nella loro luce sembra piccolo il cosmo
ma stupendo perché ne bevano gli dei
tu sei l’ombra di queste vane cose.

Walter Benjamin, Sonetti e poesie sparse  (2010, Einaudi Editore )

[Foto: Josephine Cardin]

8 thoughts on “Un’ombra non ha eterna consistenza, Walter Benjamin

  1. Natale Pace ha detto:

    … tu sei l’ombra di queste vane cose…

    • gilda.m ha detto:

      Sì la chiusa spiazza, quasi ti immobilizza… più di ogni altro verso qui, è il finale che forse non ti aspetti… ma che chiude a perfezione.

      Purtroppo non l’ho trovata in originale, sarei curiosa di leggere se l’effetto è lo stesso.

  2. Franz ha detto:

    Che condivisione raffinata! Ti confermi pozzo di bellezze , Gilda! Ciao

  3. erospea ha detto:

    il nuovo sole è il mio eterno meditare…
    mi ha colpito molto questa visione e mi lascia senza parole, ma con tanti pensieri
    grazie di aver condiviso con noi questo testo, Gilda cara
    la più bella serata per te!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...