Nobiltà, Juan Gelman

24-980x600

 

La poesia è pallida e nobile.
Non cambia niente, non incurva colline, non
dà un solo frutto rosso, non
fa rumore di chi strappa
un pezzo di pane per offrire
un pezzo di pane.
Si rannicchia in un angolo e
non si lamenta.
Vive in tutto ciò che si innalza
all’aria e al nascere.
Non chiede nemmeno una visita.
Le basta quel che non è successo.

Juan Gelman,  Nobiltà (in “L’anima dei poeti”)

_

El poema es pálido y noble.
No cambia nada, no curva colinas, no
da una sola fruta roja, ni
hace el ruido de quien arranca
un pedazo de pan para dar
un pedazo de pan.
Se acuclilla en un rincón y
no se queja.
Vive en todo lo que se alza
al aire y de nacer.
Ni pide que lo visiten.
Le basta con lo que no sucedió

Juan Gelman, Noblezas

12 thoughts on “Nobiltà, Juan Gelman

  1. gelsobianco ha detto:

    “Le basta con lo que no sucedió”
    Grande Juan Gelman.
    Torno con calma, ma ho letto questa poesia e… non ho potuto non fermarmi anche se è tardissimo.
    Pallida nobile come le gambe fotografate in questo modo, che non sono lì per farsi ammirare con rumore…
    Sempre brava, Gilda cara. ❤
    gb

    • gilda.m ha detto:

      Grazie gelso, per esserti fermata, nonostante l’orario… e per le tue analisi sempre attente.. ti auguro una buona serata ❤

      • gelsobianco ha detto:

        Non sono in forma, Gilda cara.
        A prestissimo!
        Grazie sempre.
        “Vive en todo lo que se alza
        al aire y de nacer.”

        Buona notte, cara
        gb 🙂

      • gilda.m ha detto:

        Ccaro Gelso, spero passi presto questo periodo… vieni pure quando vuoi! ❤ buona serata! a presto, cara ❤

  2. […] via Nobiltà, Juan Gelman — La terra è blu come un’arancia […]

  3. marzia ha detto:

    Se acuclilla en un rincón y
    no se queja
    ..
    .. meraviglioso passaggio.
    Oh Gilda, aunque soy una hispanista no conoce este poeta, muchas gracias..
    Credo tu conosca Gongora…

    Mientras por competir con tu cabello,
    oro bruñido el Sol relumbra en vano,
    mientras con menosprecio en medio el llano
    mira tu blanca frente al lilio bello;

    mientras a cada labio, por cogello,
    siguen más ojos que al clavel temprano,
    y mientras triunfa con desdén lozano
    de el lucente cristal tu gentil cuello;

    goza cuello, cabello, labio y frente,
    antes que lo que fué en tu edad dorada
    oro, lilio, clavel, cristal luciente

    no sólo en plata o víola troncada
    se vuelva, mas tú y ello juntamente
    en tierra, en humo, en polvo, en sombra, en nada.

    Luis de Góngora, 1582

    Io lo preferisco a Quevedo, le due anime del “siglo de oro” spagnolo..
    Ho un blog più intimo.
    https://itinerariaterradistorieediemozioni.wordpress.com/2016/12/11/sonetto/
    Vi troverai la traduzione…

    • gilda.m ha detto:

      Grazie per la meravigliosa condivisione, ho letto anche la versione in italiano sul tuo blog, no non conoscevo questo poeta… una bella scoperta, grazie a te 🙂

      • marzia ha detto:

        Faccio una piccola spiegazione, ma no n credermi saccente..
        Dopo l’arrivo dell’oro dalle Americhe la Spagna ebbe dei contraccolpi, ci fu spigato.
        La decadenza prende avvio , paradossalmente, con “El siglo de Oro” e la risposta fu: Gongora che si può sintetizzare come il gaudente e Quevedo l’asceta, il moraleggiante.

      • gilda.m ha detto:

        No assolutamente, lo vedo come un piacevole scambio… anzi quando vuoi dilungarti di più fai pure, non può che arricchirci il tuo conoscere, grazie 🙂 non sapevo di questo aspetto, culturale economico e sociale cui si rifanno gli autori da te ricordati… davvero molto interessante…

    • gilda.m ha detto:

      Di fama… Ma non ho mai letto sue raccolte, grazie per la condivisione…

      ” E il corpo in ombra, oscuro, le si accende,
      e gladiatrice, come brace impura,
      tra Amaranta e il suo amante si distende.”

      • marzia ha detto:

        Pure a me garbano assai questi passaggi, Gilda..
        Leggendoti mi è tornata in mente questa e credo di crearle un montaggio.
        Voglio leggermi la Gualtieri…vediamo di continuare con lei!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...