Ho messo un abito scollato e non so se ritorni, Maria do Rosário Pedreira

nastya-kaletkina-35

Possiamo rivoltare i sogni al rovescio, dormire dentro il pomeriggio
e lasciare che il tempo si occupi dei gesti più piccoli.

Maria do Rosário Pedreira

_

Ho messo un abito scollato e non so se ritorni,
ma le parole sono pronte sulle labbra come
segreti imperfetti o germogli di acqua custoditi per
l’estate. E, se di notte le ripeto in sordina, nel silenzio
della stanza, prima di addormentarmi, è come se all’improvviso
gli uccelli fossero già arrivati a sud e tu ritornassi
in cerca di questi antichi messaggi lavati dal tempo:

Andiamo a casa? Il sole dorme sui tetti la domenica
e c’è un intenso odore di lino sparso sui tetti.
Possiamo rivoltare i sogni al rovescio, dormire dentro il pomeriggio
e lasciare che il tempo si occupi dei gesti più piccoli.

Andiamo a casa. Ho lasciato un libro aperto a metà sul pavimento
della stanza, sono sole nella scatola le vecchie foto
del nonno, c’erano le tue mani strette con forza, quella
musica che eravamo soliti ascoltare d’inverno. E io voglio rivedere
le nuvole ritagliate nelle finestre rosse del crepuscolo;
e voglio andare di nuovo a casa. Come le altre volte.

E così mi preparo per il sonno, notte dopo notte, dipanando la lenta
matassa dei giorni per scontare l’attesa. E, quando la nidiata
allontanerà alla fine le ali della chiglia al suo primo volo,
di certo mi troverò ancora qui, ma potrò dire che, per lo
meno qualche volta, già inviai i messaggi, già dalla mia
bocca udii queste parole, che tu ritorni o non ritorni.

Maria do Rosário Pedreira

(Traduzione di Mirella Abriani)

da “La casa e l’odore dei libri”, Librati Edizioni, 2008

 

______________________________

 

Tenho um decote pousado no vestido e não sei se voltas,
mas as palavras estão prontas sobre os lábios como
segredos imperfeitos ou gomos de água guardados para o
verão. E, se de noite as repito em surdina, no silêncio
do quarto, antes de adormecer, é como se de repente
as aves tivessem chegado já ao sul e tu voltasses
em busca desses antigos recados levados pelo tempo:

Vamos para casa? O sol adormece nos telhados ao domingo
e há um intenso cheiro a linho derramado nas camas.
Podemos virar os sonhos do avesso, dormir dentro da tarde
e deixar que o tempo se ocupe dos gestos mais pequenos.

Vamos para casa. Deixei um livro partido ao meio no chão
do quarto, estão sozinhos na caixa os retratos antigos
do avô, havia as tuas mãos apertadas com força, aquela
música que costumávamos ouvir no inverno. E eu quero rever
as nuvens recortadas nas janelas vermelhas do crepúsculo;
e quero ir outra vez para casa. Como das outras vezes.

Assim me faço ao sono, noite após noite, desfiando a lenta
meada dos dias para descontar a espera. E, quando as crias
afastarem finalmente as asas da quilha no seu primeiro voo,
por certo estarei ainda aqui, mas poderei dizer que, pelo
menos uma ou outra vez, já mandei os recados, já da minha
boca ouvi estas palavras, voltes ou não voltes.

Maria do Rosário Pedreira

Foto: Nastrya Kaletkina

da “A Casa e o Cheiro dos Livros”, Editor Gótica, Lisboa, 2001

21 thoughts on “Ho messo un abito scollato e non so se ritorni, Maria do Rosário Pedreira

  1. Nico ha detto:

    La meraviglia delle piccole cose che danno più intensità alle emozioni per la loro semplicità, per sognare non occorre cultura ma solo Amore…
    Ciao Gilda… 🙂

  2. gelsobianco ha detto:

    Bravissima, malinconica, intensa poetessa è Maria do Rosário Pedreira.
    “Assim me faço ao sono, noite após noite, desfiando a lenta
    meada dos dias para descontar a espera.”
    Il senso del tempo nello svolgersi dei piccoli gesti, sì, ma anche molto altro…
    Torno, cara Gilda.
    Sono stanca ora.
    Grazie per tutto quello che mi doni.
    🙂
    gb
    A presto!

  3. gilda.m ha detto:

    Grazie a te,
    per quello che doni… sempre in abbondanza :*

  4. gelsobianco ha detto:

    Bella la fotografia.
    E’ come se lei si aggrappasse alla casa per tenerla su, per non farla cadere o sparire
    Ecco i versi che sono proprio di questa fotografia
    “E io voglio rivedere
    le nuvole ritagliate nelle finestre rosse del crepuscolo;
    e voglio andare di nuovo a casa. Come le altre volte.”
    C’è il desiderio che tutto possa tornare…
    Btava Gilda.
    :*
    gb
    Buona cena.

  5. Ma che bella! Devo segnarmela e ripassarci ancora…
    Buona settimana!
    Alexandra

  6. caterina rotondi ha detto:

    Bellissima….molto.
    Caterina

  7. gilda.m ha detto:

    Grazie mille, tra l’altro, Caterina, apprendo che siamo entrambe pugliesi 😉

  8. T ha detto:

    non conoscevo.. Meraviglia. Grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...